Magazine

Pubblicazione su Giornale di Brescia del 10 ottobre 2007

Pubblicazione su Giornale di Brescia

Arwei, gli zerbini in cocco che piacciono a Renzo Piano e Versace.

La sede è a Piamborno, ma gli orizzonti sono l’Europa.
La Arwei italiana srl (ora Mat.en) società leader nella produzione di zerbini personalizzati,va a caccia di nuovi traguardi e sfodera l’entusiasmo di una matricola del mercato.
Dal 1983 ad oggi, la società di Delfino Facchini, ha messo sotto i piedi di mezzo mondo la griffe “made in piamborno” degli zerbini di alta qualità. In via Vanzolino, in un capannone di medie dimensioni, incontriamo Luca e Giancarlo, 23 e 26 anni, che hanno accettato la sfida di un passaggio di consegne che si perfezionerà negli anni a venire. “Papà ha cominciato quasi per caso agli inizi degli anno Ottanta, dopo un viaggio in Germania – spiega Giancarlo-. Aprì il suo stabilimento qui e da allora non ci siamo più spostati”.
Siamo gli unici in Italia a produrre zerbini di questo tipo – gli fa eco Luca – Il core business non è tanto lo zerbino inteso come quello da sistemare fuori dalla porta di casa con la scritta ”Avanti”, ma prodotti di alta qualità che presuppongono l’impiego di materiali di prima scelta. Il classico zerbino in cocco o moquette rappresenta meno del 5% del nostro fatturato”.
Un fatturato in costante crescita che per il 2007 dovrebbe attestarsi intorno ai 400 mila euro. Cinque i dipendenti in forza all’azienda, oltre ad una rete capillare di trasportatori in grado di recapitare il prodotto nell’arco delle 24 – 48 ore. “Un prodotto Arwei (Maten) dura anche vent’anni, l’alluminio utilizzato come telaio è eterno e se necessita di manutenzioni o di parti lesionate, interveniamo noi”.
E la concorrenza? “Sta venendo fuori una sorta di mercato parallelo, che offre prodotti a prezzi inferiori ma dalla qualità piuttosto scadente. Anche nel Nord Europa la produzione sta crescendo ma i tempi di consegna sono ancora piuttosto lunghi”. La Arwei Italiana srl è stata la prima ad inventarsi un prodotto così e oggi si riconferma leader assoluto. Nel mirino ci sono i nuovi mercati. “Tra le commesse più importanti ci sono gli scali aeroportuali di mezza Europa e catene di grande distribuzione come Penny Market, Castorama, Unieuro ed Eurospin. Abbiamo posato zerbini per Renzo Piano e in molti punti vendita di Donatella Versace.
Campeggia una fotografia dell’aeroporto di Malpensa: anche qui la Arwei ha lasciato il segno. “Assistere il cliente significa seguirlo dal preventivo al post-vendita – continua Luca-. La forza della nostra azienda sta proprio in questa attenzione, nel non lasciare nulla al caso, nel garantire la personalizzazione del prodotto che diventa quasi un marchio di originalità”. (s.g.)